Cetinje

Dai un voto >

Benvenuti nella bellezza selvaggia

Nella "valle degli Dei" immergetevi nell’epopea della storia del Montenegro attraverso le ricchezze dei palazzi storici e dei musei.

Provate ad immaginare la vita nel castello di Re Nicola Petrović, dove le principesse facevano i loro sogni giovanili. Sotto i tigli centenari, ammirate come la luna "spande i suoi raggi magici risvegliando in alcuni sentimenti segreti". Osservate il patrimonio di Petar II Petrović Njegoš, signore, guida spirituale, grande filosofo e maggiore poeta del Montenegro.Nel suo palazzo “Biljarda” potrete vedere il primo tavolo da biliardo trasportato qui "a spalla" dai giovani montenegrini da Cattaro.Nella città sotto il Lovćen si conservano tre importati oggetti sacri del Cristianesimo: l'icona della Madonna di Filermosa, la mano di San Giovani Battista ed un frammento della Santa Croce.

E sulle strade – teatro a cielo aperto.Creato dagli studenti delle accademie, attori, pittori, musicisti, nuova linfa creativa che si sovrappone alla tradizione. La città avvolta da un alone incantato. Ferma nel tempo… penserete, e quella sensazione non vi lascerà neanche nelle località vicine: Rijeka Crnojevića, Njeguši, alle falde del Lovćen, e nella valle di Ivanova korita. Ovunque una calda atmosfera domestica.

Non esitate, se vi viene offerto del formaggio o del prosciutto del villaggio di Njeguši: sono squisiti. I gusti più deliziosi del Montenegro si concentrano nella carne affumicata che viene essiccata all’incontro delle correnti d’aria provenienti dalle montagne e dal mare.